Condizioni - IV edizione

PREMI RAZÓN ABIERTA

L’Università Francisco de Vitoria, in collaborazione con la Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger-Benedetto XVI, annuncia l’apertura della quinta edizione dei premi Expanded Reason Awards. I Premi mirano a riconoscere e promuovere il lavoro universitario al servizio della verità e della promozione dell’uomo e della società.

I Premi sono destinati a docenti e ricercatori universitari di qualsiasi area di competenza, con risultati di ricerca o insegnamento attraverso lavori scientifici o programmi accademici stabiliti da un approccio ragionato più ampio, come proposto dal Papa Emerito Benedetto XVI.

La caratteristica principale nella vita universitaria scientifica e intellettuale di oggi è la razionalità scientifica. Il presupposto è che la razionalità scientifica sia l’unica strada sicura per raggiungere la vera conoscenza e implementarla a beneficio dell’umanità e della società. Certamente un’università che si rispetti garantirà il rigore scientifico del suo lavoro intellettuale. Tuttavia, c’è qualcos’altro.

Stabilendo la razionalità scientifica come l’unica forma di vera conoscenza, gli aspetti di vitale importanza per gli esseri umani, come il fondamento e il significato della vita, il valore oggettivo della realtà e di Dio e il significato della nostra esistenza, vengono lasciati senza risposta. L’università è invece orientata a questa conoscenza sin dall’inizio: “La vera e più intima origine dell’università risiede nel desiderio di conoscenza, che è propria dell’uomo. Vuole sapere ciò che lo circonda. Vuole la verità”[1].

I premi Expanded Reason Awards mirano a promuovere un rinnovato concetto di università, che preserva e coltiva la sensibilità per la verità che risiede nel cuore di ogni persona. In tal modo, cerca di evitare la possibilità che la ragione ceda alla pressione di interessi estranei ad essa e alla seduzione dell’utilità come criterio ultimo per la validità[2].

Per mantenere viva la consapevolezza e l’interesse per la verità, la totalità della persona deve essere rimessa in gioco. Ciò implica il recupero di domande esistenziali fondamentali che derivano dai compiti personali e scientifici delle persone. Dopotutto, la scienza è la risposta che nasce dall’ammirazione davanti alla realtà, da qui la confluenza tra queste domande profondamente umane e il lavoro scientifico.

Questo programma di Premi cerca risposte accademiche a domande poste al centro di ogni scienza, alle quali si può rispondere solo allargando i limiti della razionalità scientifica e in un dialogo fecondo con filosofia e teologia[3]. Questo è ciò che chiamiamo un approccio basato sulla “ragione aperta”.

Ci sono molteplici domande che possono essere considerate fondamentali. Le quattro seguenti non sono le uniche che potrebbero essere sviluppate nei lavori presentati.

[1] Benedetto XVI. Discorso preparato per l’incontro con l’Università di Roma La Sapienza, 17 gennaio 2008.

[2] Cfr. ibidem.

[3] Cfr. ibidem

Al centro di ogni scienza o materia insegnata c’è sempre, in misura minore o maggiore, un’antropologia implicita o esplicita. Tutti i contenuti impartiti o ricercati sono modellati da tale comprensione della persona umana. La domanda antropologica può essere espressa in questi termini: Qual è la nozione dell’uomo sottostante a ciò che viene insegnato o appreso? È una visione individualistica o solidale? È puramente storica o aperta alla trascendenza? La persona è geneticamente predeterminata o capace di libertà? Che tipo di uomo viene modellato attraverso questa conoscenza? E che tipo di società viene costruita? 

Al centro di ogni materia insegnata o ricercata c’è anche una epistemologia specifica, resa esplicita o meno. La domanda epistemologica si esprime in due domande fondamentali: è vero ciò che insegno e ricerco? Quali sono lo scopo e i limiti della mia scienza e del mio metodo? Questa riflessione sulla verità e sulla natura della conoscenza scientifica determina il contenuto e la metodologia, adottando una posizione sulla questione della verità e sulla possibilità di conoscerla.

Le domande sulla verità e sull’uomo portano alla domanda su come agire, sia nell’ambito del lavoro scientifico e delle sue applicazioni tecnologiche, sia in relazione all’approccio di ogni persona alla vita. Alla base di ogni argomento c’è una domanda etica, resa esplicita in ogni persona a vari livelli. Questo approccio etico si concentra sempre sugli obiettivi della scienza insegnata e sulle conseguenze tecniche, culturali, sociali o personali che possono derivarne.

 

La questione del significato può raggiungere varie profondità. Se affrontiamo questa domanda dal punto di vista dell’insegnamento, possiamo dire che il significato spazia dalla formazione della persona, consentendole di vivere una vita piena e contribuendo al benessere della comunità, oltre a favorire una maggiore comprensione del significato del lavoro, fino a facilitare l’incontro con il Dio vivente.

 

Avvicinarsi a questa domanda da una prospettiva di ricerca, ci conduce al ruolo che i fondamenti filosofici e teologici giocano nelle scienze particolari, nella loro ricerca del significato e dell’unità del sapere. Questa domanda rivela anche la misura in cui una scienza particolare facilita l’apertura alle domande fondamentali dell’umanità. La ricerca universitaria deve essere diretta allo studio delle radici dei principali problemi di ogni età e alla proposta di soluzioni. Niente di questo può essere realizzato senza prestare attenzione alla domanda di Dio.

La specializzazione è un requisito del metodo scientifico: lo sguardo dello scienziato deve concentrarsi sul particolare aspetto della realtà da indagare. Tuttavia, è necessario qualcos’altro affinché questo aspetto abbia un senso. È necessaria una sintesi che integri il frammento nel tutto.

Epistemologicamente, le scienze particolari entrano in dialogo con la filosofia o la teologia per le esigenze poste dalle domande fondamentali derivanti dalle loro aree particolari. Il risultato non è un ibrido che risulti dalla giustapposizione di concetti filosofici o teologici con quelli scientifici, ma deve portare alla integrazione delle conoscenze frammentarie verso la totalità dalla realtà. Questa sintesi può essere intesa come una transizione dalla conoscenza alla saggezza e dal fenomeno alla fondazione[1].

Il risultato della sintesi della conoscenza è una scienza rinnovata, perché i limiti del metodo vengono superati senza compromettere il rigore scientifico. La scienza si arricchisce attraverso il significato che trasmette una conoscenza più profonda. La frammentaria conoscenza della scienza integrata nel tutto diventa più ricca. La filosofia e la teologia sono nobilitate, perché in questa sintesi raggiungono meglio la vita delle persone e non rimangono solo conoscenze astratte.

[1] Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Fides et ratio (14 settembre 1998), 83.

Si dovranno considerare le opere che riflettono un dialogo reale e attivo tra una particolare scienza, e la filosofia e/o la teologia. L’obiettivo è di raggiungere il limite di ogni scienza particolare e porre domande fondamentali – sulla persona, sul bene, sulla verità e sul senso – cui la scienza stessa non può rispondere.

Saranno particolarmente apprezzati i lavori che affrontano le attuali sfide più importanti da un approccio basato sulla ragione aperta. Proposti semplicemente come esempi, le seguenti aree tematiche possono essere interessanti: il transumanesimo, la leadership, l’ecologia, l’impatto dell’intelligenza artificiale sui vari contesti umani, ecc. 

I Premi comprendono due categorie: Ricerca e Insegnamento.

Questa categoria comprende articoli e libri pubblicati o inediti che affrontano scientificamente un problema particolare con un approccio di ragionamento ampliato.

La rilevanza contemporanea dell’opera è di fondamentale importanza, pertanto le ricerche recenti saranno particolarmente apprezzate. Le opere prodotte o pubblicate prima del 2010 saranno accettate soltanto se la loro attuale validità sia debitamente spiegata nel documento esplicativo.

Questa categoria comprende programmi accademici universitari (programma docente, guide didattiche, programmi curriculari, proposte metodologiche, ecc.) che promuovono la formazione integrale della persona in una scienza particolare e offrono una spiegazione dettagliata di come vengono integrate le domande sulla ragione aperta.

I lavori presentati in questa categoria richiedono il loro sviluppo in contesti universitari e l’inclusione della misurazione dell’impatto, dei risultati ottenuti e delle esperienze di formazione integrale derivanti dalla loro applicazione.

 

Docenti e ricercatori universitari di qualsiasi nazionalità possono presentare domanda per questi Premi, individualmente o in gruppo (in quest’ultimo caso, verrà specificato il nome del coordinatore o del ricercatore principale).

Un invito particolare è rivolto ai studiosi più giovani, in quanto i Premi vogliono essere un incoraggiamento al crescente talento accademico e non solo un riconoscimento dei risultati eccezionali per gli academici già ben stabiliti nei loro campi di studio.

Di seguito sono elencate le aree di conoscenza in cui le opere partecipanti possono essere classificate:

  • Arte e lettere
  • Tecnologia e ingegneria
  • Scienze sperimentali e dell’ambiente
  • Economia e affari
  • Formazione scolastica
  • Scienze sociali
  • Giustizia, diritto e politica
  • Scienze della salute
  • Comunicazione

Categoria “Ricerca”

Saranno assegnati due premi da 25.000 €[1].

Categoria “Insegnamento”

Saranno assegnati due premi da 25.000 €5.

 

La giuria può modificare la distribuzione dei premi tra le categorie di Ricerca e Insegnamento e aumentare il numero di premi in una categoria a scapito dell’altra, a seconda della qualità delle opere finaliste.

 

I vincitori si impegnano a partecipare alla cerimonia di premiazione e a presentare una relazione alla 5a edizione del Congresso Ragione Aperta[2]. I costi di trasporto e vitto per questo evento saranno coperti dall’organizzazione[3].

 

Le menzioni d’onore possono essere concesse a discrezione della giuria. Gli autori[4] saranno invitati a partecipare alla 5a edizione del Congresso Ragione Aperta, con spese di iscrizione, trasporto e vitto coperte. 

Il comitato organizzatore può scegliere, a sua discrezione, tra le opere più apprezzate dalla giuria, quelle che possono partecipare alla 5a edizione del Congresso Ragione Aperta, con spese di iscrizione e vitto coperte (le spese di trasporto saranno a carico dell’autore scelto).

[1] I premi in denaro sono soggetti a ritenuta fiscale. Il pagamento dei premi sarà effettuato tramite un unico coordinatore o ricercatore principale, sotto il cui nome il progetto viene presentato per la valutazione, anche nel caso di un’opera collaborativa o multiautore.

[2] L’articolo può essere pubblicato in una delle raccolte dell’Università Francisco de Vitoria.

[3] Se il premio viene assegnato a un lavoro multiautore o collaborativo, il coordinatore o il ricercatore principale accetta di rappresentare gli altri collaboratori o coautori

[4] Come nel caso dei vincitori, se la menzione dovesse andare a un lavoro collettivo, sarà il coordinatore del gruppo o il ricercatore principale che rappresenterà il gruppo.

Le opere potranno essere inviate attraverso il sito web dei Premi www.expandedreasonawards.org utilizzando il modulo web fornito.

Devono essere presentati i seguenti documenti:

 

Estratto di 500 parole in inglese o spagnolo.

Le opere saranno accettate in inglese, spagnolo, italiano e francese. Il formato è libero.

Qualora l’opera non fosse disponibile in formato digitale, è necessario inviare sette copie stampate all’indirizzo indicato nella sezione “Contatti” del sito web (www.expandedreasonawards.org). Le copie stampate diventeranno di proprietà dei Premi Expanded Reason Awards.

Le opere saranno accettate in inglese, spagnolo, italiano e francese. Il formato è libero.

Qualora l’opera non fosse disponibile in formato digitale, è necessario inviare sette copie stampate all’indirizzo indicato nella sezione “Contatti” del sito web. Le copie stampate diventeranno di proprietà dei Premi Expanded Reason Awards.

I documenti possono essere inviati dal 26 ottobre 2020 al 12 aprile 2021.

La decisione della giuria sarà pubblicata sul sito web dei Premi nel luglio 2021:

www.expandedreasonawards.org

La cerimonia di premiazione e la 5a edizione del Congresso Ragione Aperta si terranno a settembre 2021.[1]

[1] Finché le condizioni sanitarie e sociali lo consentono.

  • Qualità e rigore manifestati nella conoscenza e nella metodologia pertinenti alla disciplina specifica.
  • Valore contemporaneo, rilevanza scientifica, culturale e sociale della materia e sua originalità.
  • Approccio integrativo.
  • Profondità del dialogo stabilito tra una scienza particolare e filosofia e/o teologia.
  • Solidità nel radicare le domande antropologiche, epistemologiche ed etiche, nonché la questione del significato.
  • Pertinenza e qualità della bibliografia.
  • Qualità del documento esplicativo, secondo i criteri indicati al punto IV del presente documento.
  •  
  • Qualità, pertinenza e rigore nella conoscenza e nell’applicazione di una scienza specifica.

    • Approccio integrativo.

        Solidità nel fondamento delle domande antropologiche, epistemologiche ed etiche, nonché della questione del significato.

    • Pertinenza e qualità della bibliografia.
    • Chiarezza dell’argomento principale e suo adattamento pedagogico.
    • Originalità delle metodologie di apprendimento proposte.
    • Dimostrazione dell’impatto sulla formazione integrale degli studenti.

La partecipazione a questo concorso implica la piena accettazione di tutte le disposizioni contenute in queste condizioni e delle decisioni della giuria, che non possono essere impugnate.

I partecipanti affermano di essere gli autori delle opere presentate e di avere tutti i permessi necessari per loro presentazione ai Premi.

I partecipanti concordano che, previo consenso del comitato scientifico, il loro documento esplicativo e/o un riassunto della loro presentazione saranno pubblicati nel deposito digitale Expanded Reason (DEDIRA). I partecipanti possono anche scegliere di consentire la pubblicazione del loro lavoro completo. Tutti i lavori pubblicati su DEDIRA saranno protetti dalla licenza internazionale Creative Commons Attribution- Noncommercial-Nonderivative 4.0 International License (CC BY-NC-ND 4.0).

La giuria sarà composta da professori o ricercatori di fama internazionale nominati dall’Università Francisco de Vitoria in accordo con la Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger-Benedetto XVI.

Il presidente della Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger-Benedetto XVI e il rettore dell’Università Francisco de Vitoria fungeranno da copresidenti.

La giuria deciderà a maggioranza dei voti espressi.

I Premi possono essere dichiarati “non assegnati” se, a giudizio della giuria, la qualità delle opere ricevute non raggiunge il livello richiesto.

Tutti i partecipanti rinunciano espressamente a qualsiasi appello al verdetto della giuria.

Queste regole possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso.

L’Università Francisco de Vitoria (UFV) è responsabile del trattamento dei dati.

Informazioni di contatto: Universidad Francisco de Vitoria. Secretario general. Ctra. M-515 Pozuelo-Majadahonda, km 1.800; 28223, Pozuelo de Alarcón (Madrid).

Dati di contatto del responsabile della protezione dei dati: dpd@ufv.es

L’Università Francisco de Vitoria tratterà i dati personali per quanto segue:

 

  • Gestire la registrazione ai Premi Expanded Reason Awards.
  • Offrire inviti a future attività organizzate dall’Università Francisco de Vitoria e inviare informazioni che l’Università ritiene possano essere di interesse.
  • Pubblicare video e immagini sui diversi siti web dell’Università, dei Premi e sui social network, in cui i partecipanti possono apparire a motivo della loro partecipazione alle diverse attività dell’Università (eventi relativi ai premi, alle classi, alle conferenze, ecc.).
  • Le call for papers e altre informazioni possono anche essere inviate per via elettronica (SMS, e-mail, portale degli studenti e social network).

 

La base legale che consente di gestire i dati dei partecipanti è il consenso esplicito, dato dai partecipanti selezionando le caselle di controllo appropriate nel modulo di invio.

I dati personali saranno trattati durante i seguenti periodi:

Finché un partecipante non revoca il consenso prestato o si oppone al trattamento dei dati effettuato.

Le opere e tutti i documenti giustificativi inviati ai Premi saranno conservati a tempo indeterminato.

 

L’Università Francisco de Vitoria ha diversi fornitori di supporto per applicazioni e computer che hanno accesso ai dati personali durante l’esecuzione di lavori relativi ai premi Expanded Reason Awards. L’Università Francisco de Vitoria e i fornitori firmeranno sempre un contratto di accesso ai dati in conformità con i requisiti dell’articolo 28 del Regolamento generale sulla protezione dei dati, che fornirà garanzie sufficienti nel trattamento effettuato da questi fornitori. Alcuni fornitori si trovano al di fuori del territorio dell’Unione Europea, quindi l’Università Francisco de Vitoria richiede garanzie aggiuntive, in base al regime stabilito per i trasferimenti internazionali nel Regolamento generale sulla protezione dei dati, come l’assunzione di fornitori certificati all’interno del quadro dell’accordo degli Stati Uniti dell’Unione Europea chiamato Privacy Shield / www.privacyshield.gov.

 

Ogni persona ha il diritto di ottenere informazioni sull’esistenza e il trattamento dei propri dati, di accedere ai propri dati personali, di richiedere la rettifica di dati inesatti o, se del caso, di richiederne la cancellazione, quando, tra gli altri motivi, i dati non siano più necessari per le finalità per le quali sono stati raccolti o il soggetto ritiri il consenso prestato.

 

In alcuni casi, il soggetto può richiedere la limitazione del trattamento dei propri dati, nel qual caso saranno tenuti solo in conformità con la normativa vigente.

In alcuni casi, i partecipanti possono esercitare il loro diritto alla portabilità dei dati, che verranno consegnati in un formato strutturato, di uso comune o leggibile meccanicamente da parte del partecipante o del nuovo responsabile del trattamento dei dati designato dal partecipante.

 

I partecipanti hanno il diritto di revocare il proprio consenso in qualsiasi momento per qualsiasi trattamento per il quale hanno prestato il proprio consenso.

Per esercitare i loro diritti, devono farlo per iscritto, sia con firma elettronica che accompagnata da una fotocopia della propria carta d’identità o del passaporto. Se la persona agisce per delega, il documento deve essere accompagnato da una valida delega e da una copia della sua carta d’identità o passaporto nazionale o essere firmato elettronicamente.

 

Le comunicazioni scritte devono essere presentate di persona presso il Segretariato dell’Università, o inviate per posta all’indirizzo indicato nella sezione “Contatti” del sito web dei premi.

 

I partecipanti hanno il diritto di contattare il responsabile della protezione dei dati dell’Università per tutte le questioni relative al trattamento dei loro dati personali e all’esercizio dei loro diritti ai sensi del presente regolamento e di presentare un reclamo all’autorità di controllo competente se ritengono che l’esercizio dei loro diritti non sia stato rispettato correttamente.

 

Il termine per la soluzione della questione è di un mese dal ricevimento della richiesta. Può essere prorogato di due mesi a seconda della complessità della domanda o del numero di domande ricevute.

In caso di modifiche ai dati dei partecipanti, si prega di informare per iscritto al fine di mantenere aggiornati i dati.

CONDIZIONI PREMI RAZÓN ABIERTA –  IV EDIZIONE